Geotermia

Articoli, News, PDF, Prodotti, Webinar su Geotermia.

Filtra contenuti:

Articoli e news su Geotermia

MASE - Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica

Il Dl Energia pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 7 febbraio è stata pubblicata la legge n° 11 del 2 febbraio 2024, che converte il Decreto Energia come modificato dal passaggio parlamentare. Il provvedimento contiene, tra gli altri, misure per la sicurezza energetica e la decarbonizzazione come la gas e l'electricity release per le aziende gasivore ed energivore, azioni per lo sviluppo di filiere delle rinnovabili tra cui la geotermia e l'eolico off-shore, interventi per un passaggio informato e senza criticità tecniche alla maggior tutela per i clienti del mercato elettrico.

ENEL

ENEL perfeziona accordo per la vendita a Ormat di un portafoglio geotermico e solare negli Stati Uniti

Il portafoglio di circa 150 MW comprende impianti geotermici e solari in esercizio Si prevede che l'operazione genererà un effetto positivo sull'indebitamento netto consolidato delGruppo Enel di circa 250 milioni di euro1 e un impatto negativo di circa 30 milioni di euro1 sul risultato netto reported del Gruppo, mentre non avrà impatti sui risultati economici ordinari del Gruppo.

ENEL

Enel Green Power e GeoGravel Tuscany, insieme alla scoperta della geotermia

L'azienda italiana è stata pioniera nella costruzione e nella gestione delle centrali geotermiche in Italia e non solo. Da oggi è partner del nuovo evento gravel ideato da Paolo Bettini che porterà i partecipanti a scoprire le meraviglie del "cuore caldo della Toscana" La GeoGravel Tuscany ha come scopo quello di promuovere attraverso la pratica del gravel il territorio geotermico toscano, e chi meglio di Enel Green Power - tra i leader mondiali dell'energia geotermica - poteva essere al suo fianco?

Stellantis

Vulcan e Stellantis in un progetto congiunto per sviluppare energia geotermica rinnovabile da fornire allo stabilimento di Mulhouse in Francia

Vulcan e Stellantis firmano il quarto accordo, che rappresenta il primo progetto congiunto in Francia e riguarda il potenziale utilizzo di energia geotermica per decarbonizzare e localizzare l'approvvigionamento energetico per le attività europee di Stellantis

Enel Green Power Italy

Nippon Gases Operations ed Enel Green Power insieme per la valorizzazione dell'anidride carbonica naturalmente presente nei fluidi geotermici

Enel Green Power Italia e Nippon Gases Operations, parte del gruppo Nippon Gases Italia specializzato in gas industriali atmosferici e di processo, hanno siglato un accordo per la realizzazione di un nuovo impianto di riutilizzo, purificazione e liquefazione ai fini alimentari della CO2 naturalmente presente nei fluidi geotermici delle centrali di Piancastagnaio, in provincia di Siena.

Mouser
ATI Associazione Termotecnica Italiana

La transizione energetica al centro degli incontri del programma FIL ROUGE 2023

Dopo il successo del primo incontro, "I nuovi vettori energetici", le attività associate al programma FIL ROUGE continuano con una serie di presentazioni con fine transizione energetica: - Disponibilità e utilizzo della biomassa in Italia (16 marzo) - L'attualità della geotermia (20 aprile) - Sviluppo degli impianti BIOGAS in italia (16 maggio)

Turboden

Eavor seleziona Turboden come fornitore per le centrali geotermiche "a circuito chiuso" in Germania

Eavor, leader nell'energia geotermica innovativa, ha selezionato Turboden S.p.A. ("Turboden") per lo sviluppo del proprio progetto nel sud della Germania a Geretsried (Baviera). La tecnologia Organic Rankine Cycle ("ORC") di Turboden sarà utilizzata nel primo progetto commerciale con Eavor-Loop?, che sfrutta il calore della terra per fornire elettricità al mercato locale.

E.ON Energia

Sfruttare l'energia dei vulcani è possibile: ecco come

Quando parliamo di vulcani siamo subito portati a pensare alle eruzioni: fiumi di lava, case distrutte dalle fiamme, evacuazioni e tanta paura. Sono queste, infatti, le immagini che automaticamente le parole "energia dei vulcani" ci evocano. Questo anche perché i vulcani, a livello di cronaca, sono protagonisti solo in queste occasioni. Ne è un esempio il recente caso del vulcano Nyiragongo, a Goma, capitale del Nord Kivu nella Repubblica Democratica del Congo, che ha eruttato per diversi giorni, seminando il panico tra la popolazione. Migliaia di persone, scappando in preda al pericolo, hanno perso la propria casa e sono molte le missioni umanitarie intervenute per aiutare la popolazione locale. Tra queste ANPIL Onlus la missione con cui collaboriamo da molti anni, presente nel nostro programma di fidelizzazione aperto a clienti e non, che si occupa del sostegno all'infanzia disagiata e abbandonata nei Paesi del Terzo e Quarto Mondo. L'energia dei vulcani, però, non ha solo questo lato distruttivo. Quella vulcanica è un'energia primordiale del nostro Pianeta e proprio questa potenza può avere una valenza non solo devastante, anzi: è una preziosissima risorsa per la produzione di energia geotermica. Cos'è l'energia geotermica Prima di vedere come l'energia dei vulcani possa essere sfruttata, è importante definire cos'è l'energia geotermica. Questa forma di energia permette di produrre energia elettrica o riscaldamento a partire dal calore geologico che si trova naturalmente sotto la crosta terrestre. Questo calore fa aumentare la temperatura sotto terra e, riscaldando le acque che scorrono, fa sviluppare del vapore acqueo che, convogliato con apposite turbine, porta alla produzione di energia pulita. Grazie poi all'immissione di acqua fredda nel sottosuolo è possibile produrre energia in modo continuo, rinnovabile e soprattutto senza l'emissione di sostanze inquinanti: è quindi un'energia completamente rinnovabile. Per capire come un funziona un impianto geotermico qui un articolo dedicato. La geotermia è oggi una delle soluzioni green e con un basso impatto ambientale, che non emette CO2. Potrebbe anzi essere sempre più diffusa nel futuro: secondo alcune stime, infatti, entro il 2050 il calore geotermico potrebbe contribuire ben al 7% del fabbisogno energetico mondiale. È una percentuale molto alta se consideriamo che questa forma di energia non è attuabile in tutto il mondo. Vulcani e energia geotermica Se quindi l'energia geotermica è legata al calore presente nel sottosuolo, riusciamo a capire quanto il legame con l'energia dei vulcani sia importante. Il calore presente sotto la crosta terrestre, infatti, è il risultato di diversi fattori, come le reazioni chimiche scaturite da diverse sostanze fino alle sorgenti di acqua calda. Tra queste cause i vulcani sotterranei e le lingue di magma sono chiaramente tra le fonti principali. Sotto i vulcani attivi devono però esserci delle precise condizioni che permettono l'installazione di una centrale geotermica: è necessario che il calore sprigionato dal magma produca sia gas che vapore acqueo, elementi fondamentali che permettono alle centrali di funzionare e produrre energia.

Anna Carmela Violante

Sistemi geotermici a bassa entalpia: impianto sperimentale realizzato nel C.R. ENEA-Casaccia

La risorsa geotermica a bassa entalpia è una fonte di energia pulita, gratuita, rinnovabile, sicura nel tempo, ecocompatibile e diffusa in gran parte del territorio nazionale. Il maggiore sviluppo nei prossimi decenni è atteso nella climatizzazione degli ambienti, soprattutto per le potenzialità offerte dagli impianti a pompa di calore geotermica (Ground Source Heat Pump - GSHP): il sistema geotermico accoppiato alle pompe di calore costituisce ad oggi il sistema di condizionamento più efficiente dal punto di vista energetico ed ambientale. Il primo impianto pilota che sfrutta questa fonte, presente in un Centro di Ricerca ENEA, è stato realizzato in Casaccia nell'anno in corso, nell'ambito della Ricerca di Sistema Elettrico Nazionale (Piano Triennale 2019-2021). Un sistema di monitoraggio costituito da fibre ottiche di tipo DTS (Distributed Temperature Sensors), inserite contestualmente alla messa in posa delle sonde geotermiche nei quattro pozzi realizzati, permetterà di acquisire in maniera distribuita il profilo verticale della temperatura. Pertanto, sarà possibile la ricostruzione tridimensionale del campo termico nell'intorno dell'area occupata dal campo geosonde, la sua evoluzione nell'arco delle stagioni, e non ultimo l'efficienza del sistema sonde-terreno nel tempo.

Massimo Gozzi

Tecnologia ORC per la produzione di energia ad alta temperatura nell'industria

Il sistema di cogenerazione ORC consente una grande flessibilità nella scelta di differenti sorgenti di calore, prima fra tutte la biomassa. Tante le applicazioni nell'industria con ottima valorizzazione termica e produzione elettrica, il tutto rispettando l'ambiente e in modo economicamente vantaggioso e sostenibile. Basato sul principio termodinamico che utilizza fluidi organici anziché acqua per la produzione di energia elettrica e calore, il ciclo Rankine organico (ORC Organic Rankine Cycle) si basa su recuperi termici nelle tipologie più svariate: da rifiuti urbani, cascami di calore da processi produttivi ma anche da altre fonti quali il calore geotermico o dalla combustione di biomassa. Nell'ambito della produzione combinata di energia elettrica e calore, ricopre una precisa collocazione in funzione delle prestazioni energetiche fornite.

Gli ultimi webinar su Geotermia

Viviana Liparulo

Certificazione per l'export in Russia: strategie e suggerimenti per la gestione ottimale

- Settori di attività: Oil & Gas, Energie Rinnovabili (eolico, fotovoltaico, solare, geotermia), Ferroviario, Navale ed Avio - Manuali di installazione, Dossier Tecnici, Certificazioni TR&S, Ingegneria, - Iter Certificativo - Documenti necessari per la certificazione - Registro Unico - Marchio di conformità

Altri contenuti su Geotermia

Paolo Cagnoli

Potenzialità della filiera geotermica per la copertura del fabbisogno termico della Emilia-Romagna

(in lingua inglese) Actions to support energy efficiency and promote RES H/C discussed during CGCs This lead to a catalogue of 52 shared actions/projects For each action: general objective, specific objective, actors involved, resources and tools, opportunities and threats, technology group, timeline, territorial scope

Claudio Alimonti

Virtù e pecche nelle potenzialità applicative della geotermia nell'edilizia

Geotermia in edilizia = geoscambio o geotermia «superficiale» Si utilizza l’inerzia termica della parte più superficiale del terreno che ha una temperatura costante Energia termica e acqua calda sanitaria per edifici residenziali, industriali e commerciali Gli impianti geotermici possono svolgere sia la funzione di riscaldamento che di raffrescamento degli ambienti

Massimiliano Abbenante

Pompe di calore a integrazione geotermica per la climatizzazione ambientale

L’efficienza energetica di una pompa di calore elettrica è espressa dal coefficiente di prestazione (medio stagionale): - Energia termica fornita dalla pompa di calore durante la stagione di riscaldamento - Energia elettrica consumata dalla pompa di calore durante la stagione di riscaldamento

Sara Picone

Il progetto E-USE (aq) Climate KIC

Il contributo del progetto E-USE vuole essere quello di raccogliere dati sulla sostenibilità ambientale ed economica dei siti pilota per supportare una diffusione piu’ capillare della tecnologia. La geotermia a bassa entalpia con pompe di calore può essere una tecnologia utile per l’utilizzo dei cascami termici a bassa temperatura (smart thermal energy grid) e può essere combinata facilmente con altre rinnovabili (e.g. solare a concentrazione, o con altri usi della risorsa acquifera).

Francesca Colucci

Potenzialità della geotermia a bassa entalpia

Misurare le proprietà di scambio termico di una sonda pilota L'analisi dei risultati del test permette di determinare: temperatura del terreno indisturbato Tg conducibilità termica media effettiva λ [W/(m K)] del suolo interessato resistenza termica Rb [K/(W/m)] della sonda geotermica

Mouser
Pietro Paolo Capone

Il comfort termico dei lavoratori come parametro operativo per le azioni di riqualificazione energetica

L’utilizzo di apparati altamente performanti come ad es. impianti di climatizzazione tipo VRF (come vedremo in seguito) con altissimi rendimenti e bassi consumi energetici, oppure impianti di trattamento aria con recuperatori di calore e con l’abbinamento di fonti energetiche rinnovabili (solare e geotermica), consentono di avere ottimi risultati sia in termini di riqualificazione energetica che in termini di risparmio economico.

Miklos Antics

Geothermal heating and cooling

(in lingua inglese) Demonstration of flexible RES power plants: Some renewables, including geothermal plants, usually run as base load, but new technology such as binary turbines allow them to be flexible in their production. More demonstration plants must be installed in different market contexts. Research and Development of the next generation of RES technologies such as EGS: Breakthrough renewable technologies could be the future game changer for decarbonising the energy system. Enhanced Geothermal Systems (EGS) is a technology already demonstrated but an Action Plan must be launched for increasing its contribution to the electricity mix.

Riccardo Prina

Analisi di soluzioni innovative per il riscaldamento delle serre: la cogenerazione a biomassa e la geotermia

Analisi e valutazione della sostenibilità economica e ambientale degli impianti di generazione di calore ed elettricità che sfruttano la biomassa legnosa come combustibile, applicati al settore della serricoltura.

Galletti Group

GSP di Eneren: la pompa di calore geotermica che consente di ridurre l'estensione del campo sonde

La pompa di calore geotermica condensata ad acqua GSP di Eneren, società del Gruppo Galletti, è polivalente, full inverter, tecnologica, versatile, economica nell’installazione e nella gestione. Produce acqua calda e fredda contemporaneamente riducendo l'estensione del campo sonde geotermico grazie all’evaporatore allagato. La pompa di calore geotermica condensata ad acqua GSP di Eneren, può essere usata con sonde geotermiche a circuito chiuso oppure con acqua di falda. Essendo un’unità polivalente, permette il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria in recupero totale in contemporanea alla produzione di acqua refrigerata, rispondendo a tutte le esigenze di comfort. Le pompe di circolazione (lato Utenza, lato Recupero e lato Sorgente), così come il compressore, sono caratterizzate da motori sincroni a magneti permanenti pilotati da inverter BLDC (Brush Less Direct Current), rappresentando quanto di più tecnologico attualmente disponibile sul mercato per applicazioni a velocità variabile, assicurando modulazione ed efficienza elevata ai carichi parziali. L’evaporatore a piastre saldobrasate che opera in regime allagato, inoltre, è la grande novità dal punto di vista tecnologico. Questa innovazione consente ridottissimi approcci fra temperatura di evaporazione e temperatura del fluido raffreddato, permettendo di minimizzare l’estensione del campo sonde (evitando l’utilizzo di fluidi anticongelanti) o in alternativa di beneficiare di elevate efficienze del sistema, da cui deriva sempre un risparmio economico nei costi di installazione o di gestione. GSP può rispondere a richieste di installazione sia a 2 che a 4 tubi. Rispettivamente, questo significa che possono essere prodotti contemporaneamente acqua calda sanitaria e acqua refrigerata, oppure riscaldamento e raffrescamento. L’unità, infatti, contiene al suo interno tre scambiatori, la cui combinazione di utilizzo varia in base alla richiesta.

Isabella Bruno

La valutazione delle emissioni evitate

Il bilancio delle emissioni è effettuato sulla base del contenuto energetico del combustibile utilizzato. Eccezione per geotermico (uso finale) e solare termico (energia disponibile al fluido di scambio). Mix fossile sostituito annualmente (fonte: EUROSTAT) dipende dal settore di consumo in cui tale sostituzione ha luogo: - Settore della trasformazione (CHP + only heat): le FER sostituiscono caldaia a gas naturale (migliore tecnologia). - Settore degli usi finali: si considera la distribuzione dei consumi di fonti fossili nel settore specifico, per l’anno oggetto della valutazione.

Circuito EIOM