Eiom

Biometano e bioenergie: attualità, incentivi e prospettive di filiera verso il green deal

 
Biogas, biometano e bioenergie sono considerati tassello fondamentale per la transizione energetica verso le fonti pulite. Il biometano è ottenuto da biomasse agricole (colture dedicate, sottoprodotti e scarti agricoli e deiezioni animali), agroindustriali (scarti della filiera della lavorazione della filiera alimentare) e la frazione organica dei rifiuti solido urbani (Forsu).
 
l suo impiego all’interno del processo di transizione energetica, che l’Italia è chiamata a svolgere, può essere accelerato dalla riconosciuta expertise nazionale nella produzione di biogas, fonte primaria del biometano, con il biometano che presenta enormi potenzialità, ad esempio, nel settore dei trasporti e della mobilità sostenibile, e viene considerato strategico per il potenziamento dell’economia circolare. Tra gli investimenti indicati dal PNRR troviamo infatti la “riconversione e il miglioramento dell’efficienza degli impianti biogas agricoli esistenti verso la produzione totale o parziale di biometano”, con un “supporto alla realizzazioni di nuovi impianti, attraverso un contributo del 40% dell’investimento”, e la promozione della “sostituzione di veicoli meccanici obsoleti e a bassa efficienza con veicoli alimentati a metano/biometano”.
 
Nel corso del convegno si alterneranno istituzioni, enti, esperti e i principali attori del settore, che, anche attraverso case study dedicati, faranno il punto sulla situazione attuale del mercato, sulle soluzioni innovative in ambito biogas e biocombustibili e sugli incentivi previsti, fino all’analisi delle problematiche dell’immissione in rete e delle nuove e importanti integrazioni di filiera (ad esempio per la produzione dell’idrogeno).